5 destinazioni in Asia per imparare lo Yoga

Photo by Louis Hansel

Da sempre, l’Asia affascina gli occidentali per la sua spiritualità e l’aria densa di misticismo e antiche tradizioni.  Tra le tradizioni più antiche del continente orientale c’è lo Yoga, un insieme di attività meditative e ascetiche nato in India migliaia di anni fa e ora diffuso in tutto il mondo.

Al giorno d’oggi, i corsi di Yoga si possono svolgere ovunque, ma per provare una totale esperienza spirituale l’unica strada è quella che porta verso l’Oriente.

In Asia ci sono migliaia di scuole e centri di yoga. Posti adatti a chiunque, dagli esperti di questa disciplina a coloro che non l’hanno mai provata.

Si sa che spesso il viaggio è molto più del semplice spostarsi, è scoperta, del mondo e di se stessi. Se vuoi visitare luoghi meravigliosi e al tempo stesso fare qualcosa per te stesso, un viaggio in Asia alla scoperta dello Yoga è un’ottima soluzione.

Ecco 5 destinazioni per chi vuole imparare a fare Yoga.

Rishikesh, India

In India è nato lo Yoga, ed è qui che si trovano centinaia di strutture dove praticarlo. Che tu sia esperto oppure principiante, la destinazione definitiva è Rishikesh, la capitale mondiale dello Yoga.

Rishikesh è un luogo immerso nel verde, ai piedi dell’Himalaya, bagnato dal sacro fiume Gange. Il posto perfetto per dedicarsi all’introspezione e andare alle radici di questa disciplina affascinante.

La fama di Rishikesh è dovuta ai Beatles. Nel 1968, la città ospitò i quattro ragazzi di Liverpool, i quali volevano riconnettersi con la propria spiritualità dopo gli eccessi derivati dal successo.

La band fu ospitata presso l’ashram indiano di Maharishi Mahesh Yogi, oggi abbandonato e inutilizzabile.

Rishikesh deve la sua fama alla permanenza dei Beatles, che ha generato un turismo di massa importante nel corso degli anni, ma questo non significa però che si tratti di un luogo esclusivamente commerciale: resta infatti la destinazione ideale sia per chi vuole imparare ma anche per chi desidera ottenere un attestato per diventare ufficialmente un maestro di Yoga.

Ubud, Bali, Indonesia

Bali è uno dei luoghi più visitati al mondo e chi ci è stato sa bene che parte della sua bellezza è dovuta alla sua varietà.

Ci sono spiagge affollate e mete turistiche, ma al tempo stesso, esistono zone molto rilassanti, dove si svolgono ritiri di meditazione silenziosa e lezioni di Yoga.

Si tratta ovviamente di Ubud, un luogo magico nell’entroterra dell’isola. Qui si ci sono alcune delle risaie più belle del mondo, il celebre santuario dedicato alle scimmie (la Monkey Forest) e tantissimo verde.

Camminare per le stradine di Ubud è come tornare indietro nel tempo: ogni giorno ci sono le offerte agli dei e si svolgono riti induisti molto scenografici.

A Ubud c’è l’atmosfera ideale per praticare lo Yoga.

Ci sono innumerevoli corsi, spesso su strutture in legno in mezzo alle risaie e immerse nel silenzio più totale. Luoghi perfetti non solo per imparare, ma anche per rilassarsi e ritrovare la propria pace interiore.

Ubud è anche nota per essere una delle località più hippie al mondo, con una comunità fortemente legata alle pratiche meditative e allo stile di vita vegan.

Chiang Mai, Thailandia

La Thailandia è una destinazione che vive sugli stessi contrasti di Bali. Da un lato c’è la vita notturna e il divertimento sfrenato, dall’altro la possibilità di partecipare a ritiri e corsi di meditazione.

In particolar modo, nel nord del paese, si trova una città diventata il punto di ritrovo per gli appassionati di Yoga: Chiang Mai.

Chiang Mai è considerata la capitale del nord ed è situata ai piedi delle montagne. In questa località, in realtà, si può fare davvero di tutto, dalle lezioni di cucina a quelle di artigianato. Tra i corsi più popolari ci sono però quelli di Yoga.

Anche in questo caso sono aperti a tutti, dai principianti a coloro che aspirano a diventare maestri riconosciuti. C’è la possibilità di fare ritiri meditativi nei templi poco distanti dal centro della città, dove è anche possibile praticare l’antica disciplina dello Yoga di fronte a paesaggi mozzafiato.

Sihanoukville, Cambogia

Spesso si tende a credere che in Cambogia non ci sia altro che Angkor Wat, ma oltre al leggendario Tempio della città, ci sono tanti luoghi straordinari.

Sihanoukville è uno di questi, e oltre ad avere spiagge molto apprezzabili, è anche un punto di ritrovo per chi vuole praticare lo Yoga.

Esistono decine di centri e resort dove praticare l’antica disciplina, ma uno dei più affascinanti è certamente il Vagabond Temple.

Si tratta di un vero e proprio tempio situato a pochi metri dal mare, dove è richiesta una permanenza minima di cinque notti, indispensabile per iniziare un percorso spirituale. Qui il tempo scorre lentamente, tra lezioni di Yoga, meditazione e alimentazione disintossicante.

Kathmandu, Nepal

La capitale del Nepal è uno dei luoghi più spirituali al mondo, con i suoi bellissimi templi incorniciati dalle imponenti montagne.

È proprio ai piedi delle montagne, lontano dal caos della città, che si trovano i migliori centri per praticare lo Yoga. Immersi nell’aria fresca e nel verde, ci si può allontanare da tutto e tutti e dedicarsi completamente a se stessi.

La particolarità di questi centri sono sicuramente i ritiri di trekking. Si tratta di corsi che si svolgono ogni giorno in luoghi diversi lungo un sentiero di trekking. Si parte quindi il primo giorno con esercizi semplici, e poi si sale di altitudine e difficoltà nella pratica.

Si vive con poco, si dorme in tenda e ci si dedica completamente all’introspezione. È uno di quei casi in cui un ritiro di Yoga diventa un’esperienza di vita.

Seguimi su InstagramFacebook