Non vergognarti mai di voler essere felice

Photo by Jeremy Bishop

È curioso: ognuno di noi è consapevole del fatto che la sua vita è destinata a finire, che un giorno arriverà il momento di lasciare questa Terra. Eppure, nonostante questa verità inconfutabile, c’è chi vive un’intera esistenza senza mai chiedersi se sia davvero felice. Come se la vita capitasse per caso.

Se fosse solo questo il problema, non sarebbe un problema. Ognuno di noi è libero di fare ciò che vuole del proprio tempo, anche sprecarlo.

Il punto è un altro: la maggior parte delle persone, oltre a non essere consapevoli dell’importanza di essere felici, giudicano chi vuole essere felice.

Il fastidio di chi non vuole che gli altri siano felici

Se non te ne sei reso conto, prova a uscire di casa e sorridere. Prova a dire alle persone che conosci che vuoi essere felice, maledettamente felice. Vai a dire ad amici e conoscenti che il tempo è il bene più prezioso che hai e vuoi farne una storia meravigliosa. Comunica a tutti quanto ami la vita.

In un mondo ideale, questo atteggiamento provocherebbe un’ondata di entusiasmo e positività. Ma nella società in cui viviamo, così densa di pessimismo e autocommiserazione, le persone non ti dicono mai che fai bene a voler essere felice.

No, al contrario vedrai espressioni di fastidio, ascolterai giudizi non richiesti e troverai sicuramente qualcuno che proverà a spegnere quella fiamma che hai appena acceso.

È questo il motivo per cui è così incredibilmente difficile essere ottimisti di questi tempi: perché intorno a te non trovi terreno fertile dove piantare il seme dell’amore e della gioia, trovi solo muri e ostacoli.

E così avviene una delle più grandi tragedie umane dei nostri tempi: anche quelle meravigliose persone naturalmente inclini a sorridere e diffondere allegria si spengono e appassiscono come un fiore nell’ombra.

Non smettere mai di voler essere felice

Come si combatte il pessimismo di questi tempi? Sicuramente non arrendendosi. Te lo chiedo dal profondo del mio cuore: se sei una di quelle persone sorridenti e solari, non smettere. Non farti piegare, continua a risplendere di quella luce di cui tutti noi abbiamo tanto bisogno in questo periodo.

E indipendentemente da chi tu sia, ricordati una cosa che nessuno ti dice mai: non vergognarti di voler essere felice. Mai.

Proveranno a farti sentire un ingrato, un viziato, un egoista. Ma tutto questo nasce dall’insoddisfazione di chi non ha mai avuto il coraggio e la forza di uscire dalla propria comfort zone e seguire le coordinate della felicità.

E visto che l’essere umano in Occidente è invidioso, accecato dal denaro e pieno di rancore, spesso ti troverai di fronte persone che non essendo riuscite a essere felici desiderano che anche tutti gli altri non lo siano.

Non è normale essere sempre tristi e incazzati!

Non dare retta a chi ti vuole fare sentire in colpa di essere felice. Questo desiderio è più che naturale, anzi è innato. L’essere umano desidera essere felice, a cercare di avere una vita piena di gioia.

Ce lo dimentichiamo facilmente ed è per questo che quando sorridi molte persone intorno a te ti guardano come a dire “ma questo cos’ha da ridere?“. In qualche modo ci siamo fatti convincere che sia normale essere sempre incazzati e che tutti noi siamo condannati all’infelicità.

Ma essere tristi e rancorosi non è nella nostra natura, diventa normalità nell’assurdità delle vite preconfezionate che accettiamo passivamente. La vera domanda non è “perché sorridi?” la vera domanda è “perché non sorridi?”

Come scrivo nel mio libro, dovrebbe essere considerato innaturale continuare ad avere una vita infelice se si ha la possibilità di cambiarla, non il contrario. È assolutamente naturale il desiderio di volersi svegliare al mattino sorridenti e pieni di vita.

Egoismo? Un mondo di persone infelici è un mondo infelice

So che leggendo il titolo di questo articolo molte persone penseranno: “Che egoismo!

È una reazione comune e dal mio punto di vista è pura follia. Non dobbiamo smettere di voler essere pieni di gioia perché c’è chi sta peggio di noi; un atteggiamento virtuoso è quello di chi è così grato della fortuna che ha avuto da volerla valorizzare costruendosi una vita piena di luce.

E poi c’è un altro aspetto da considerare: un mondo pieno di persone infelici è un mondo infelice. Un posto terribile, dove tutti si odiano e si fanno la guerra. Un luogo dove non c’è luce, solo le tenebre della rassegnazione.

Un mondo pieno di persone felici, invece, è un mondo felice. Se tutti noi fossimo più “egoisti” nel voler vivere bene, faremmo un favore anche agli altri. Quando ti realizzi, il primo sentimento che provi è l’empatia: tu stai bene e improvvisamente riesci a sentire  Anche perché la vera felicità è sempre condivisa e come spiego nel mio libro, non ho mai conosciuto una persona davvero felice che non volesse veder sorridere anche tutti gli altri.

Non vergognarti del tuo desiderio di felicità

Non smettere mai di voler essere felice. Questo impulso non è motivo di vergogna, al contrario: devi essere fiero di provarlo e volerlo concretizzare. Perché il desiderio di essere felici è ciò che contraddistingue le persone che si limitano a sopravvivere da quelle che invece vogliono vivere a pieno.

Distingue coloro che si sono arresi ad aspettare che il tempo passi e coloro che invece hanno capito che il tempo è il bene più prezioso che abbiamo. E per questo lo vogliono riempire di bellezza, gioia, emozioni, esperienze forti e ricordi indimenticabili. Per questo non dovrebbero mai vergognarsi di voler essere felici.

Seguimi su Instagram Facebook YouTube