Con la persona giusta al tuo fianco, viaggiare in coppia è pura vita

Photo by John Schnobrich

Negli ultimi 8 anni ho avuto il piacere, la fortuna e il privilegio di viaggiare per il mondo insieme a una persona speciale. Non mi piace definirla “la mia ragazza”, perché non è “mia”. Non è mia moglie e nemmeno la mia fidanzata.

È la mia compagna. Compagna di mille avventure, sogni, sfide, viaggi e momenti indimenticabili. Una persona che ha scelto di condividere una parte della sua esistenza con me e grazie alla quale ho avuto modo di osservare il mondo non solo dal mio punto di vista ma anche attraverso i suoi occhi.

Siamo stati in America, in Messico, in Australia, in tutto il sud-est asiatico e recentemente abbiamo girato l’Europa a bordo del nostro camper. A volte abbiamo solo viaggiato, come quella volta che abbiamo visitato il Vietnam in motocicletta (ne parlo nel mio libro “Le coordinate della felicità“), a volte ci siamo fermati a vivere in quei posti che ci facevano sentire a casa, altre volte, invece, abbiamo lavorato e viaggiato contemporaneamente (in questo articolo puoi leggere come sono diventato un nomade digitale).

Abbiamo vissuto esperienze straordinarie, difficili, eccitanti e indimenticabili, al punto che oggi posso dire senza alcun dubbio che, con la persona giusta al proprio fianco, viaggiare in coppia aggiunge un valore immenso non solo a una relazione, ma anche alla propria vita.

Viaggiare in coppia non è come sembra su Instagram

Viaggiare in coppia non è sempre facile. Per niente.

È certamente condivisione all’ennesima potenza, perché significa compiere piccole o grandi imprese insieme, passo dopo passo. Ma condividere significa affrontare insieme non solo le gioie ma anche i dolori, perché l’amore è un ballo che si fa in due non solo quando ci sono le piroette e gli applausi del pubblico ma anche quando si suda e ci si pesta i piedi a vicenda.

Viaggiare in coppia non è tutto farfalle e arcobaleni come potresti pensare guardando le foto su Instagram. Chi ha avuto la possibilità di viaggiare con il proprio partner sa che i momenti di difficoltà sono all’ordine del giorno e le litigate dietro l’angolo, specialmente all’inizio di un lungo viaggio. Si è a stretto contatto 24 ore su 24 ore e basta una stupidaggine per scatenare accese discussioni che portano a urla, musi lunghi e cattiverie dette senza ragionare.

Perché non viaggiare da soli?

Perché, allora, non viaggiare da soli? Perché non partire senza nessuno intorno e vivere ogni giornata come meglio si crede?

Potresti svegliarti quando vuoi, fare quello che vuoi, prendere le decisioni in maniera assolutamente indipendente. “Viaggiare da soli è libertà”, mi dicono spesso i miei amici che girano il mondo in solitaria. Ed è sicuramente vero: partire con uno zaino sulle spalle e nessuno da aspettare è certamente una forma di libertà che fa sentire vivi migliaia di viaggiatori e viaggiatrici in giro per il mondo.

Ma ciò che molti non sanno (ma a loro auguro di scoprirlo presto) è che viaggiare con la persona che si ama non è una minaccia alla propria libertà. Non ti senti imprigionato, non hai l’impressione di scendere a compromessi.

Non è una pena. Anzi, è pura vita.

Viaggiare in coppia con la persona giusta

Sto parlando solo ed esclusivamente di quei casi in cui viaggi con la persona giusta, chiaramente non mi riferisco a quelle coppie che non si sopportano e stanno insieme per convenienze. Parlo di quelle coppie che sono realmente innamorate e sentono di aver trovato nell’altra persona il tassello centrale del meraviglioso puzzle della loro vita.

E la “persona giusta” non è detto che sia quella con cui passerai il resto dei tuoi giorni. Non mi piacciono gli assolutismi, ma credo nell’amore. Non credo ai “per sempre” ma credo ai “ti amo” pronunciati con il cuore. Credo in quelle storie che potrebbero durare per sempre oppure no, ma non ha alcuna importanza perché quando sei davvero innamorato ti importa solo del “qui e ora“, del momento presente. Non pensi ad altro che a vivere e assaporare ogni secondo.

Ecco, quando trovi una persona così, che ti fa sentire come se non esistesse un domani e non esistesse uno ieri, hai trovato una persona speciale che nella tua vita non rappresenta un peso ma uno dei motivi di massima gratitudine. Magari non durerà per sempre, oppure sì, ma non ha alcuna importanza: se hai trovato una persona così, hai il dovere nei confronti della tua felicità di valorizzare il rapporto in tutti i modi possibili.

Se sei in questa situazione, sei fortunato. E se hai trovato la persona giusta, mi permetto di darti un consiglio: viaggiate.

Il potere dell’amore in viaggio

Con la persona giusta al tuo fianco, viaggiare in coppia diventa l’esperienza più incredibile della tua vita. Lo so perché ho avuto l’enorme fortuna di provare le sensazioni che solo un viaggio in coppia sa darti. Ne parlo nel mio libro: le risate senza apparenti motivi, le lacrime amare di chi è lontano da casa, le chiacchierate infinite in automobile, le notti in volo, vicini, scomodi e innamorati, le difficoltà da affrontare insieme, i progetti di vita a bordo di vecchi bus che attraversano il sud-est asiatico, le incomprensioni che, se superate, rendono il rapporto mille volte più forte… se tutto questo è stato straordinario è perché l’ho condiviso con la persona giusta.

Se non l’hai ancora trovata, non ti accontentare della prima che incontri. Viaggia in solitaria, esplora il mondo, vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo. Ma non smettere mai di cercarla. Non ti arrendere, perché quando la troverai inizierà una nuova vita.

E quando farete un viaggio insieme, ti renderai conto di quanto il mondo sia diverso quando puoi osservarlo anche attraverso gli occhi della persona che ami. Certi luoghi, certe esperienze, certi incontri, certi sapori, colori, suoni, sensazioni… ti sembrerà di viverle per la prima volta anche se pensavi di conoscerle alla perfezione.

È il potere dell’amore, che in viaggio diventa la forza più grande che tu abbia mai provato.

Seguimi su Instagram – Facebook