La Vanlife è sporca e scomoda ma non c’è niente di più gratificante. È pura vita

IG @elisehalina

C’è chi è fatto per avere una vita normale, che giri intorno a punti di riferimento concreti e sicuri come una casa, un lavoro fisso e una città dove trascorrere gran parte del proprio tempo. Poi c’è chi ha l’erba sotto i piedi: uomini e donne, giovani e meno giovani, che sentono il desiderio irrefrenabile di esplorare il mondo là fuori, vivere esperienze differenti ed essere costantemente in movimento.

Elise e Josh appartengono alla seconda categoria e la loro storia è uno straordinario esempio di cosa significhi vivere in modo alternativo per vivere alla grande.

Perché, come milioni di persone in tutto il mondo, anche loro si sentivano chiusi in gabbia in una vita omologata e dettata da ritmi e regole che non avevano scelto ma avevano accettato passivamente. Il lavoro fisso ogni giorno, le quattro mura dell’ufficio, i colleghi da frequentare obbligatoriamente, il poco tempo a disposizione per le loro passioni

Poi, però, hanno scelto di ribellarsi e lo hanno fatto in modo piuttosto estremo, senza pensare più di tanto alle conseguenze. Perché a volte stravolgere tutto è l’unica soluzione possibile per trovare la propria strada.

IG @elisehalina

Elise e Josh: dopo l’università, la vita

C’è chi capisce di non essere fatto per una vita normale quando ha più di trent’anni e ha impostato la sua esistenza su binari che sembrano definitivi. Ma c’è anche chi prova una forte insofferenza per ciò che per tutti gli altri è giusto ben prima. È il caso di questa coppia australiana.

“Ci siamo diplomati, poi ci siamo laureati perché era la scelta più naturale. Ma una volta che avevamo il nostro pezzo di carta in mano ci siamo resi conto che non volevamo proseguire su quella strada. Non volevamo vivere per lavorare e stare chiusi in ufficio dalle nove di mattina alle cinque del pomeriggio, ogni giorno”.

5 DOMANDE PER CAPIRE SE È ORA DI CAMBIARE VITA

Elise e Josh hanno fatto qualche tentativo ma dopo poche settimane impegnati in lavori normali si sono resi conto che quella strada li avrebbe portati solo in una direzione: quella dell’infelicità. Loro, invece, volevano prenderne un’altra: quella della felicità.

“Abbiamo capito che dovevamo mettere in atto un grande cambiamento di vita. Abbiamo cullato il nostro sogno mentre lavoravamo come matti per mettere da parte più denaro possibile. Per diversi mesi abbiamo avuto cinque lavori contemporaneamente e abbiamo lavorato dalla mattina alla sera. Poi ci siamo licenziati, abbiamo messo l’essenziale nei nostri zaini e siamo partiti“.

IG @elisehalina

La Vanlife a tempo indeterminato

Per Elise e Josh la felicità ha tante forme, tra cui quella di un van.

“Il nostro van è anche la nostra casa. Si chiama Donovan e abbiamo lavorato duramente per trasformarlo in ciò che è adesso. Quando finalmente lo abbiamo messo in moto e siamo partiti dopo mesi e mesi a sognare, non ci sembrava vero”.

I due non avevano una meta, perché non avevano la necessità di raggiungere un luogo ma semplicemente viaggiare. Non importa dove, a volte conta solo viaggiare. Così hanno iniziato a girare in lungo e in largo l’Australia, il loro paese natale. Il loro è un viaggio a tempo indeterminato, ma non solo: è anche uno stile di vita.

“Abbiamo sempre avuto una profonda connessione con la vita all’aria aperta e vivere in un van ci permette di farlo per la maggior parte del tempo. Inoltre la Vanlife è anche uno stile di vita sostenibile: consumiamo poco e alimentiamo tutto con i pannelli solari. Inoltre stiamo cercando di tornare alle origini e invece di acquistare cibo nei supermercati proviamo a procacciarlo personalmente. Ad esempio, tutte le nostre proteine derivano dal pesce che peschiamo. Lo cuociamo sul fuoco, riducendo ulteriormente il nostro impatto su questo pianeta”.

IG @elisehalina

Vivere con poco ed essere felici

Molti considererebbero la scelta di questa giovane coppia australiana estrema. Loro non lo negano: la Vanlife non è per tutti. Ma se sei una persona che ama mangiare e vivere all’aria aperta, nuotare ogni giorno nell’oceano, essere abbronzato tutto l’anno e addormentarsi sotto il cielo stellato, puoi tranquillamente superare la mancanza di comfort. Con la Vanlife hai meno stabilità e sicurezze ma hai molta più vita.

LA VERA RICCHEZZA NON È AVERE TANTI SOLDI, MA ESSERE LIBERI E FELICI

“Vivere in un van è grezzo, sporco ed estenuante”, dicono. “Passiamo intere settimane senza vedere una doccia calda, non abbiamo l’aria condizionata e il bagno non c’è, così come l’acqua corrente. Ma è gratificante come poche altre cose. Vivi costantemente on the road sulla tua casa su ruote, incontri persone, provi esperienze nuove, visiti luoghi straordinari, scopri cos’è la vera libertà… e poi all’orizzonte che cambia ogni giorno, dal deserto alle montagne all’oceano. Non esiste niente di simile alla Vanlife“.

Segui Elise e Josh su Instagram

IG @elisehalina

Seguimi su Instagram – Facebook