Perché licenziarmi e viaggiare è stata la miglior scelta della mia vita

Sono sempre di più le persone che trovano il coraggio di mollare tutto per viaggiare.

Nella stragrande maggioranza dei casi non lo fanno per il semplice piacere di scoprire il mondo, ma soprattutto per cambiare vita: lo scopo è lasciarsi alle spalle un’esistenza che non li soddisfa per inseguire i propri desideri ed obiettivi, e quindi la propria felicità.

Tra le tante storie di coloro che hanno mollato tutto per viaggiare, una delle più intense è quella di una ragazza inglese che cinque anni fa ha dato un taglio netto con il passato.

Si chiama Sarah e nella vita precedente lavorava a Londra per un’importante banca, aveva il posto fisso e una casa di proprietà che stava pagando con il mutuo. Poi, un giorno, ha compreso che non era ciò che voleva, e quindi non sarebbe mai stata felice vivendo in questa maniera.

Contrariamente a tanti, ha deciso di licenziarsi, vendere la casa e mettersi in viaggio per ritrovare la serenità e capire che direzione prendere.

Sarah Richard

Inizialmente ha girato per due mesi in Asia con uno zaino sulle spalle e gli occhi sognanti di chi scopre il mondo.

Poi si è trasferita negli Stati Uniti per fare un corso da bagnina. Ha visitato tutto il continente americano, dagli States al Sud America passando per il Messico. Infine si è spostata in Turchia, dove ha conseguito il brevetto da istruttrice di immersioni.

A quel punto è tornata in Asia, dove ha lavorato a bordo di una barca per tre mesi. Durante una sosta a Hong Kong ha scoperto una città meravigliosa e ricca di opportunità, quindi si è nuovamente licenziata e ha cercato lavoro lì, trovandolo poco dopo come insegnante di inglese.

Negli ultimi cinque anni è sempre stata in viaggio a “godersi la vita“, come dice lei stessa. Ha aperto un blog che le ha permesso di raccontare il suo stile di vita e diventare anche una scrittrice freelance.

Non è certamente milionaria, ma almeno adesso è felice, una circostanza fondamentale di cui ha parlato in un post sul suo blog che è presto diventato virale.

Il titolo dice già tutto: “Fuck Society: perché ho deciso di vivere la vita nella mia maniera e girare il mondo“.

Sarah Richard

“Io dicevo che volevo girare il mondo, e per tutta risposta mi chiedevano perché invece non mi trovassi un fidanzato e mi sistemassi. Ecco, proprio questo è ciò che non funziona nel mondo di oggi“.

Così si apre il post che le ha portato tanti attestati di stima da parte di migliaia di persone, non solo ragazze.

“Ci raccontano che dobbiamo seguire un certo percorso: vai a scuola, vai all’università, trovati un lavoro, mettiti con un bravo ragazzo, sposalo, fai figli, risparmia, vai in pensione e muori. Ma perché? Perché ci conformiamo a tutto questo?

Come abbiamo scritto recentemente su queste pagine, nella vita non c’è un solo percorso da seguire. Il mondo è grande e pieno di opportunità, una realtà che Sarah ha scoperto solo viaggiando:

“Perché dobbiamo uniformarci a questa vita? Perché per aver successo dobbiamo per forza avere un buon lavoro ed essere sposati?”

“Quando ho detto che mi sarei licenziata mi hanno detto che sbagliavo, perché potevo diventare direttrice di banca. Quando ho venduto la casa mi hanno detto che era il momento sbagliato e avrei dovuto aspettare che il mercato immobiliare si riprendesse. Quando ho detto no ai “ragazzi giusti” mi hanno detto che non ne avrei trovati altri così”.

“Quando ho speso tutti i miei soldi in viaggi mi hanno detto che ne avrei avuto bisogno durante le difficoltà. Quando viaggiavo non facevano che chiedermi quando sarei tornata per sistemarmi. Voi fate tutto quello che vi dicono di fare. Io voglio fare ciò che mi piace”.

Sarah Richard

Viaggiare le ha fatto capire che tutte le paure che abbiamo di cambiare sono profondamente sbagliate:

“Licenziandomi dal mio ottimo lavoro ho capito cosa volevo davvero fare nella vita. Oggi ho il più bel lavoro del mondo, il lavoro dei miei sogni”.

“Vendendo la casa ho incassato soldi che ho speso per viaggiare, che ho investito e ancora oggi mi garantiscono un’entrata passiva. Ho incontrato tanti altri “ragazzi giusti”, ma soprattutto ho imparato ad amare me stessa prima di qualsiasi uomo“.

Tutta la sua filosofia di vita potrebbe essere racchiusa in un’unica frase:

Viaggiando ho capito che le cose più importanti non sono cose, ma ricordi. Ho speso tutti i miei soldi per il miglior libro di sempre: quello della mia vita. Un libro ricco di avventure, risate e amore. Ogni singolo centesimo è stato speso nel migliore dei modi”.

Oggi Sarah è un’istruttrice di immersioni in giro per il mondo. Ha lanciato Girls that Scuba, un sito dedicato alle ragazze appassionate di immersioni.

Sarah Richard

Segui Sarah su Coffee with a slice of life FacebookInstagram