Le migliori eco-house di Bali

Bali è la destinazione dei sogni per tantissime persone in tutto il mondo. Ognuno ha i suoi motivi: c’è chi ama il surf, chi vuole camminare tra i templi induisti, chi è alla ricerca di adrenalina e avventura, ma anche chi non desidera altro che di evadere dai ritmi frenetici, dal cemento soffocante e dal grigio della città.

In tanti vedono in Bali il luogo perfetto dove potersi rilassare ritrovando il contatto con la Natura, che sia camminando sulle sue spiagge infinite oppure godendosi il silenzio pacifico delle sue risaie (di queste e altre esperienze parlo nel mio secondo libro “Come una notte a Bali“).

Ecco perché sempre più viaggiatori non sono attratti dai soliti hotel che si trovano ovunque nel mondo, ma sognano una sistemazione diversa, unica, che sia una vera e propria esperienza di vita. Soggiornare in una eco-house, insomma.

Si tratta di strutture minimaliste ed eleganti, costruite con grande attenzione e rispetto verso l’ambiente, spesso facendo ampio utilizzo di materiali naturali come il bambù e la paglia.

Sistemazioni essenziali ma al tempo stesso di classe, dove potersi svegliare con i suoni della giungla circostante e con una vista sensazionale sulle risaie che hanno resa famosa l’Isola degli Dei.

A Bali ci sono sempre più Eco-House, ma queste sono le migliori per chi sogna di vivere un’esperienza davvero indimenticabile.

Camaya

Camaya è una delle strutture più rinomate di tutta Bali, e non per caso. Questo complesso si trova a un’ora di scooter da Ubud, nel cuore dell’isola indonesiana, in un’area ancora molto rurale e incontaminata. La prima cosa che colpisce quando si varca la porta di una di queste bamboo-house è la vista: le colline e le risaie compongono un paesaggio da cartolina, fatto di mille sfumature di verde, di quelli che rimangono impressi prima nel cuore e poi nella mente. La casa in sé è completamente in bambù ed è sviluppata su tre livelli.

Al piano superiore si trova la sala da cinema: alla sera ci si può sdraiare sulla rete sospesa e godersi uno dei tanti film a disposizione. Al piano terra sono invece presenti le due stanze da letto, il doppio bagno e la meravigliosa doccia all’aperto, ma a questo livello è anche presente la piscina di acqua piovana, senza cloro, dove immergersi per godere a pieno della vista sulle risaie. Infine, c’è anche un livello inferiore dove è possibile accendere un falò e godersi il cielo stellato.

Con il suo mix di lusso e totale apertura alla natura locale, Camaya offre un’esperienza davvero unica nel suo genere. Non è un caso che qui soggiornino molte coppie in luna di miele: raramente si può trovare un’atmosfera più magica di questa in giro per il mondo.

Aura House

L’Aura House fa parte del Green Village, uno dei progetti ecosostenibili più interessanti di Bali. Si trova a mezz’ora di scooter dal centro di Ubud ed è una casa su tre piani costruita principalmente in materiali naturali (bambù in primis). Elegante e tradizionale, l’Aura House ha due stanze da letto, una cucina, una piscina privata e una vista meravigliosa sulla foresta e sul fiume Ayung, che fornisce una costante colonna sonora di puro relax. Trascorrere qualche giorno qui significa rigenerarsi nel profondo e ritrovare se stessi lontano dal rumore, dal traffico e dall’affollamento. Una sistemazione ideale per le famiglie, ma anche per un gruppo di amici e per chiunque sia alla ricerca di un alloggio dall’architettura raffinata: qui si può ammirare da vicino la maestria artigianale balinese, visto che tutta la struttura è stata infatti costruita da persona del luogo, rispettando la tradizione estetica dell’Isola degli Dei.

Zen Getaway

A un’oretta da Ubud si trova una villa open air con una vista sensazionale sul fiume Ayung da una parte e sul vulcano Agung dall’altra. È il Zen Getaway, una vera e propria fuga dal rumore dei luoghi più turistici di Bali, immersa nel verde e nel silenzio dei contadini. Si raggiunge uscendo dalla strada principale e infilandosi direttamente su una stradina che taglia in due le risaie. Ci sono tre appartamenti distinti, uno dei quali con una altalena mozzafiato che ti dà l’impressione di volare direttamente sul fiume Ayung, fiume che fornisce anche la colonna sonora al momento di addormentarsi e svegliarsi. La struttura è tutta in legno, pietra e bambù, l’arredamento è minimalista e molto curato, si rifà al concetto giapponese di Wabi Sabi per cui la vera perfezione è nell’esaltazione dell’imperfezione. Al piano inferiore ci sono la doccia all’aperto e la cucina (una rarità nelle strutture di Bali), al piano superiore le due stanze da letto e la rete su cui rilassarsi osservando un tramonto. Per chi soggiorna nella Gateway #3 c’è anche a disposizione la famosa altalena. Il Zen Gateway è una sistemazione ideale per chiunque, dalle coppie alle famiglie a un gruppo di amici, ma è rivolta soprattutto a chi vuole trovare un po’ di pace e meraviglia in una delle zone più genuine di Bali.

Firefly Eco Lodge

Nel cuore di Ubud si trova un meraviglioso eco-resort immerso nelle risaie. Le strutture hanno la particolarità di non avere porte: tutto è aperto, per consentire agli ospiti di godere a pieno dell’atmosfera magica di questo angolo di verde. Il problema della sicurezza non si pone, dal momento che il Firefly Eco Lodge è lontano dalle strade principali e le strutture sono raggiungibili solo camminando attraverso i campi. Ci sono varie tipologie di accomodation, dai tradizionali cottage balinesi fino al Bird Nest, una camera da letto situata in cima a un albero. Quest’ultima è una delle più popolari, perché è una vera esperienza di vita: ci si deve arrampicare per raggiungerla e da lì si può godere di una vista pazzesca. Svegliarsi a questa altezza e osservare il sole che sorge è di per sé un ottimo motivo per soggiornare al Firefly.

Awan Ubud

A Ubud si trova un complesso di Eco House immerso nelle risaie. Si chiama Awan Ubud e si tratta di piccole strutture molto curate, simili a delle tiny house ma con i tetti spioventi di paglia e le ampie vetrate che le rendono luminose a qualsiasi ora del giorno. All’interno vige la regola del “Less is More“: entrando si trova il lavandino con accesso al bagno e alla doccia all’aperto decorata con decine di piante. La stanza principale è invece sia l’area living sia la camera da letto. Un piano basso applicato alla parete, molto orientale, funge da scrivania.

Il punto forte, però, si trova all’esterno: il patio al di là dell’alta vetrata si affaccia direttamente sulle risaie. La vista è semplicemente indimenticabile. C’è anche la possibilità di immergersi nella piccola vasca e godersi un bagno caldo ammirando il tramonto. Il patio è anche il posto ideale per fare colazione o per cenare a lume di candela. Alla sera, considerando la posizione leggermente distaccata dal centro di Ubud, si può osservare un meraviglioso cielo stellato. Un’esperienza da provare almeno una volta nella vita.

Balila Beach Resort

Non farti condizionare dalla parola “resort”: lo è a tutti gli effetti per quanto riguarda i servizi e la qualità generale, ma non lo è dal punto di vista economico e soprattutto etico.

Infatti, se in Europa un resort in una località di mare ha prezzi esorbitanti che lo rendono assolutamente inaccessibile alla maggior parte delle persone, il Balila Beach Resort offre diversi tipi di sistemazioni adatti a tutte le tasche.

La soluzione più economica è la stanza singola con bagno in comune. Si tratta di una soluzione molto minimalista e permette di osservare direttamente la spiaggia. Si può quindi di andare a dormire e svegliarsi con il suono delle onde e una vista meravigliosa. Costa appena 250.000 rupie a notte, l’equivalente di €15. Una cifra davvero bassa considerando che la colazione è inclusa.

 

Seguimi su Instagram  Facebook  YouTube

POTREBBE INTERESSARTI »