I migliori ristoranti vegetariani e vegani di Bali

Photo by @gianluca.gotto

Se hai letto il mio libro, sai che sono innamorato di Bali e che Ubud, nello specifico, è diventata una delle mie “case” in giro per il mondo. Questa località nell’entroterra dell’isola è diventata subito un posto speciale per me, per molti motivi.

Innanzitutto è considerato il cuore spirituale di Bali, luogo di ritrovo per artisti, hippie, appassionati di yoga e meditazione, viaggiatori e sognatori. Effettivamente, Ubud è proprio così: piena di persone interessanti.

Inoltre, Ubud è un luogo che vibra a una frequenza diversa dal resto dell’isola. Ci sono tantissimi templi induisti e questa religione, fortemente praticata dalla popolazione locale, rende l’atmosfera molto mistica e spirituale. Un elemento che si combina perfettamente con quello della natura. Una natura dominante in questa parte dell’isola, con fitta vegetazione, risaie, fiumi e cascate.

Ma c’è un altro motivo per cui mi sono innamorato di Ubud e l’ho trasformata in un posto speciale per me: il cibo. Ubud è considerata una delle capitali mondiali del cibo vegetariano e vegano, al punto che qui, ogni anno, si tiene il Bali Vegan Festival.

Ecco perché questa parte di Bali è piena di ristoranti vegetariani e vegani e quelli che non lo sono hanno quasi sempre delle opzioni veg. Ce ne sono a centinaia, dai warung balinesi ai ristoranti di lusso, da quelli che offrono pizza e pasta a quelli di cucina raw. Puoi mangiare sushi, pasta, colazioni, pizza, deliziose bowl, noodles in versione vegan… Ubud è a tutti gli effetti un paradiso per chi ha scelto di mangiare cruelty-free.

Per questo motivo, se sei vegetariano o vegano e passi da Bali, assicurati di passare anche da Ubud. E se non sai dove andare a mangiare, questi sono i miei ristoranti preferiti. Quelli che considero non solo i migliori di Ubud ma anche tra i migliori di tutta Bali.

Warung Local

Non è facile trovare un warung in cui poter mangiare cibo autentico, ma anche vegano o vegetariano. Però è possibile da Warung Local, uno dei pochi ristoranti tradizionali di Canggu dove chiunque può ordinare un piatto che soddisfi le sue preferenze specifiche potendo scegliere tra decine di ingredienti diversi. Infatti, oltre al Nasi Campur e alle altre specialità tipicamente indonesiane, c’è anche la possibilità di creare da zero il proprio piatto. Si parte scegliendo la base di riso: rosso, giallo o bianco. Poi si scelgono gli ingredienti che compongono il piatto. Quelli vegani costano circa 7.000 rupie l’uno, quindi con 40.000 rupie si può mangiare tanto e bene. La qualità del cibo è sorprendente: gli ingredienti sono freschi e le spezie sono usate senza timore, proprio per restare fedeli alla tradizionale cucina indonesiana. Assolutamente da provare il tempeh piccante, il tofu al curry, le patate con funghi, l’immancabile “spezzatino” di jackfruit e gli spinaci con il cocco. Si ordina indicando gli ingredienti esposti in vetrina, tutti contrassegnati con cartoncini che riportano il nome e la tipologia del cibo. Se siete stufi dei soliti vegan burger e cercate una cucina autentica che vi lasci un sapore indimenticabile in bocca, Warung Local è il ristorante giusto per voi.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Sayavegan

Sayavegan è un ristorante vegano nella zona di Canggu, aperto recentemente ma già divenuto molto popolare per il suo buffet del mercoledì e della domenica. Ma partiamo dalla filosofia di questo locale, che merita certamente una menzione: la proprietaria è una signora indonesiana che vuole dimostrare alla gente del luogo (local ed expat) che il cibo vegano è divertente e delizioso. Sta riuscendo alla grande nella sua missione, perché durante il buffet della domenica a tema Vietnam (ogni domenica è dedicato a una cucina diversa) ho mangiato cibo semplicemente squisito, fresco e preparato con grande cura. Un’altra particolarità di Sayavegan è infatti che non viene acquistato nessun ingrediente elaborato (a parte tempeh e tofu) perché tutto deve essere prodotto in cucina. Ad esempio, i panini vietnamiti sono fatti con la farina di riso e la tapioca, gli involtini alla curcuma con la farina di cocco. Durante il buffet ho anche gustato un tradizionale Pho, i fresh spring rolls e un “salmone” vegetale veramente sorprendente per aspetto e gusto. Il buffet costa appena 50.000 rupie e si mangia divinamente e fino a saziarsi. A ogni ospite viene servito un bicchierino di Jamu, la tradizionale bevanda indonesiana curativa, con curcuma e zenzero. Per chi volesse concludere il pranzo alla grande, non può mancare la torta con base di zucchini bread, ricoperta da una imperdibile crema al cioccolato calda. Se siete alla ricerca di un pasto nutriente, vegano (ma anche gluten free e con soli ingredienti biologici) e volete alzarvi pieni,  Sayavegan il posto perfetto per voi.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

The Cashew Tree Collective

The Cashew Tree è uno dei ristoranti migliori tra quelli che ho provato a Bali. A partire dalla location: si trova in un’area di Uluwatu molto tranquilla, circondata appunto da tre alberi di anacardi. Ci sono tavolini bassi ma anche tavoli alti per nomadi digitali posizionati sotto gazebo eleganti. Il menù offre la possibilità di fare colazione, pranzo e cena e ci sono numerose opzioni vegane e vegetariane, tutte segnate perfettamente (inoltre lo staff è molto competente e parla in inglese ottimamente). Consiglio senza ombra di dubbio il vegan Big Mac, un burger di fagioli neri e funghi che si ispira a quello tradizionale e ha un sapore molto simile grazie a una salsa dedicata. È uno dei tre migliori vegan burger che abbia mangiato nella mia vita. Deliziosi e sazianti anche i breakfast tacos (The Hangover) con tempeh al posto del bacon. Un piatto adatto per una colazione abbondante ma anche per pranzo. Agli amanti delle insalate consiglio invece la Super Food Salad con la quinoa e una perfetta salsa tahini di accompagnamento. I tempeh spring rolls sono invece il piatto ideale per una giornata afosa: sono freschi e leggeri, ma anche molto nutrienti con tempeh e avocado. Assolutamente da provare il gelato, 100% vegano: straconsigliato il gusto caramello salato, ma anche il cocco vanigliato e il cioccolato sono imperdibili. Se passate da Uluwatu e volete andare sul sicuro, fermatevi per colazione, pranzo o cena (o tutte e tre) da The Cashew Tree: potrebbe diventare il vostro ristorante preferito di tutta Bali.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Superfood

Superfood è un ristorante caratterizzato da un menù ricco e da piatti di alta qualità. Da Superfood è possibile fermarsi per colazione, pranzo e cena, godendo di un’atmosfera ricercata e molto rilassata. Per quanto riguarda il cibo, le opzioni vegane e vegetariane sono numerose (tutte segnalate chiaramente). Consiglio sicuramente uno dei piatti più popolari del locale, ovvero la “make your own salad“, un’insalata che si compone personalmente scegliendo i vari ingredienti, a partire dalle protein balls (le Falafel balls sono deliziose). Per chi è alla ricerca di un piatto sostanzioso consiglio invece il Thai Vegan Wrap con il tofu scrambled e l’avocado oppure il burger vegano a base di zucca. Se si è in due, la scelta giusta è uno dei tanti taglieri a disposizione, quello vegano è composto da verdure, funghi e hummus. Ampia scelta anche per quanto riguarda le bevande: il tradizionale Jamu indonesiano è proposto in varie versioni (la mia preferita è quella con la guava) e il caffè è di alta qualità, con la possibilità di aggiunta di latti vegetali. Tanta scelta anche per i dessert, con le palline proteiche dolci che vanno a ruba (deliziosa quella al caffè). Superfood è il ristorante ideale per chi è alla ricerca di cibo nutriente dopo un allenamento o una mattina di surf, per i nomadi digitali che possono lavorare per ore utilizzando una connessione veloce e stabile, ma anche per chiunque voglia mangiare buon cibo (e magari provare qualcosa di nuovo) in un’atmosfera ricercata e accogliente.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Motion

Motion è un locale unico nel suo genere, non solo perché si trova sotto a un grande albero di avocado (in precedenza si chiamava Avocado Cafe ed è uno dei locali più longevi di tutta Bali). Si trova a Canggu ed è rivolto a chi vuole mangiare in maniera consapevole e a tutti gli appassionati di fitness. Il menù propone infatti una grande varietà di piatti e alimenti, raggruppati in base alle varie esigenze alimentari: c’è una sezione dedicata a chi segue una dieta Paleo, una per la dieta Keto e ovviamente moltissime opzioni vegane e vegetariane. Il best-seller di Motion è il “Make your own plate“, ovvero il piatto completamente personalizzabile: si può scegliere tra decine di ingredienti, tra cui vari tipi di pane, i cereali, la frutta, la verdura e le proteine. Per quanto riguarda i piatti tradizionali, consiglio il curry di ceci, nutriente, leggero e gustoso. Innovativi e sorprendenti i Keto Vegan Tacos con la lattuga e il cheddar vegetale. Assolutamente da provare in una giornata afosa i Zoodles, ovvero i noodles fatti con le zucchine e conditi con un pesto raw. Vastissima selezione di dolci, c’è solo l’imbarazzo della scelta: ci sono torte raw, vegane e gluten free, le classiche “cocunut balls” (deliziose con il burro di arachidi) e il Chia Pudding (che viene servito direttamente nel barattolo per portarlo a casa e chi ne riporta sei vuoti ne ha uno in omaggio). Motion ha anche un curatissimo sito web dove è possibile non solo ordinare per la consegna a domicilio ma anche prenotare un appuntamento con il nutrizionista per ricevere un meal plan di sei giorni. Non esiste un posto migliore di questo per chi ci tiene a curare la propria alimentazione e vuole mantenersi in forma, ma Motion è adatto a chiunque: il cibo è di alta qualità, il locale è luminoso e curato e la posizione è ottimale per visitare Canggu.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Falafel Temple

A Canggu si trova uno dei migliori ristoranti di cucina mediorientale di tutta Bali. Falafel Temple è un locale che propone una cucina completamente vegetariana, con moltissime opzioni vegane. Come si intuisce dal nome, il punto forte del ristorante sono i falafel, che vengono serviti in varie composizioni differenti. Il modo migliore e più autentico per gustarli è ordinando il Mezza Platter: in questo modo, i falafel sono accompagnati da cinque contorni a scelta. Io ho preso l’hummus (veramente delizioso, prodotto localmente con olio evo), il babaganoush, le patate, l’insalata di carote e i ceci. Non è facile trovare sapori così autentici lontano dal Medio Oriente, i falafel sono croccanti e saporiti. Un altro dei best seller di Falafel Temple è il cous cous, che viene servito direttamente nella pentola di terracotta con verdure bollite, ceci e spezie. Anche il Shakshuka è servito nel modo tradizionale, direttamente nella padella: è il piatto ideale per chi cerca una colazione gustosa e molto nutriente. Il tutto è servito con la pita, che si può ordinare anche con farina integrale. Di altissimo livello anche i dessert: i Baklava (dolci mediorientali al pistacchio) sono un’esplosione di gusto e per gli amanti del cocco ci sono le coconut balls con cioccolato fondente. Caffè (indonesiano) molto buono, con possibilità di avere il latte di soia per il cappuccino. Se avete voglia di cucina mediorientale e cercate un ristorante molto curato, dalla scelta degli ingredienti alla preparazione del cibo fino al modo in cui viene servito, Falafel Temple è la scelta giusta per voi.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Bella by Sage

Bella” è il ristorante italiano di Sage, uno dei pilastri della ristorazione vegan a Ubud. Il locale è appena stato aperto e nonostante il menù sia ancora in fase di definizione, posso dire con certezza che si tratta già di uno dei migliori ristoranti di Ubud. “Bella” offre un menù con influenze della cucina italiana ma riadattato in chiave vegana. Il rischio di un flop, viste le premesse, è concreto, e invece sono rimasto molto stupito nel constatare la bontà del cibo proposto.

Partiamo dal classico: da “Bella” si può mangiare una vera pizza ma con formaggi vegetali (a base di cocco) che ricordano in tutto e per tutto il vero formaggio. C’è anche la possibilità di ordinare la pasta tra gli antipasti consiglio i wrap di insalata.

Ma se capitate il giorno in cui c’è la lasagna come piatto speciale, vi consiglio di non farvela scappare perché è deliziosa: è un mix tra una lasagna al pesto e una al pomodoro davvero deliziosa. Ho provato anche la versione raw ed è stata sorprendentemente gustosa, ma soprattutto molto fresca ideale a pranzo per combattere il caldo di Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Pesona Lounge Ubud

Pesona Lounge è uno splendido locale sopraelevato nel cuore di Ubud ed è anche uno dei migliori ristoranti indiani dell’isola degli Dei. La prima cosa che colpisce entrando è la cura dell’ambiente: tutto è nuovo, pulito e ben arredato, c’è un bancone dove ordinare un cocktail in attesa del cibo al pomeriggio, mentre sul fondo del locale sono presenti dei divanetti dove rilassarsi bevendo un tè. Passando al cibo, la sensazione è la stessa che si ha riguardo l’ambiente: tutto è molto curato, la preparazione del cibo è attenta e la scelta degli ingredienti è di alta qualità. Lo si capisce innanzitutto dal modo in cui i piatti sono presentati,  i curry ad esempio vengono serviti nelle tradizionali ciotole in rame indiane. Tutto ciò non serve a compensare la qualità del cibo, anzi, è semplicemente un ottimo modo di servire piatti deliziosi e autentici. Tra i curry vegetariani (che in realtà sono vegani) consiglio certamente il Jackfruit Onion Masala (il Jackfruit è un frutto tipico di Bali che, se cotto in un certo modo, diventa uno squisito sostituto della carne), il Saag Aloo (patate e spinaci) e il Mung Dal Tadka (lenticchie, aglio e spezie varie). Tutti i curry sono accompagnati da riso bianco e a tutti i commensali è servita acqua aromatizzata al limone e cetriolo . A chi è alla ricerca di un pranzo sostanzioso, consiglio certamente il Vegetable Kati Roll, due roll vegetariani veramente gustosi. Per quanto riguarda gli antipasti, invece, non possono mancare i tradizionali Papadam (servito con condimento Masala o normale) e i Samosa (semplicemente deliziosi), ma anche i Momo nepalesi, degli involtini di verdure simili ai gyosa. Se cercate un ottimo ristorante indiano a Ubud, dove non solo mangiare cibo delizioso ma anche godersi una serata speciale in un ambiente splendido, non c’è posto migliore di Pesona Lounge.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

TAKSU

TAKSU è un fantastico ristorante immerso nel verde, all’interno di una struttura che ospita anche una spa. Fin da quando si entra si percepiscono delle ottime vibrazioni, perché c’è un contatto diretto con la natura: il ristornate ha diverse sale ed è possibile mangiare all’aperto oppure al secondo piano, dove si può godere di una splendida vista sul giardino. Oltre ad essere un bellissimo locale, TAKSU ha un occhio di riguardo nei confronti della comunità locale, infatti tutto il personale, dai manager agli chef, è composto da balinesi.

Il menù non è completamente vegetariano ma sono ben segnalate le opzioni vegane e vegetariane e lo staff è davvero molto preparato sugli ingredienti per venire incontro ad ogni esigenza. Per quanto riguarda il cibo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Qui ho mangiato dei deliziosi gnocchi alla zucca che non avevano nulla da invidiare a quelli italiani e una ottima vellutata di lenticchie. Per chi volesse provare un piatto della tradizione indonesiana consiglio il delizioso Jack Fruit Rendang, un saporito curry con il jackfruit cucinato nel latte di cocco e spezie. Per chi volesse comporsi da solo il piatto è possibile con 65.000IDR realizzare la propria Buddha Bowl scegliendo un cereale, le verdure e il condimento. Lasciate un po’ di spazio per provare i dolci, assolutamente imperdibile la Chocolate Mille Feuille. C’è anche una vasta scelta per quanto riguarda le bevande depurative e gli smoothies, delizioso il tradizionale Jamu, bevanda balinese.

Consiglio assolutamente questo locale a coloro che vogliono gustare un pasto di alto livello godendo di un’atmosfera rilassante senza doversi allontanare dal centro di Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

SUKA espresso

Suka Espresso è un locale su due piani situato nel cuore di Ubud. Al piano terra ci si ferma per gustare un espresso (Suka è famoso per le sue miscele, qui si trova dell’ottimo caffè colombiano/brasiliano, oltre a quello tipico indonesiano) e una colazione veloce, mentre al piano superiore c’è l’atmosfera giusta per fermarsi più a lungo, che sia per una colazione abbondante, un pranzo o una cena con vista su una delle strade più caratteristiche di Ubud.

Il menù è ampio e presenta numerose opzioni vegane e vegetariane. Sono tutte segnalate chiaramente, ma non abbiate paura di chiedere al personale perché le cameriere sono preparatissime e molto gentile.

Per chi desidera una colazione abbondante consiglio certamente la Bug Breaky con avocado, funghi, spinaci e delizioso pane croccante oppure una bowl di frutta.

Per pranzo si può scegliere tra bowl salate (ottima la Super Bowl con quinoa, verdure e hummus), i primi o i panini. Tra questi ultimi consiglio certamente il Veggie Burger, disponibile sia in versione vegetariana sia vegana. Strepitosa la torta al cioccolato, con una porzione ben sopra la media.

Suka Espresso è il locale giusto per chi vuole gustarsi un brunch in un’atmosfera rilassata e curata, ma anche per chi (come me) lavora in remoto.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

 

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Simply Social

Simply Social è un ristorante moderno situata vicino al mercato di Ubud. La posizione lo rende ideale per chiunque sia venuto a visitare le meraviglie di questa parte di Bali, perché da qui è possibile muoversi facilmente per raggiungere qualsiasi luogo di interesse. Inoltre, sedendosi a uno dei tavoli più esterni è possibile godere della vista sulla caratteristica strada di Ubud, che sia per colazione, pranzo o cena. Simply Social, infatti, propone un menù molto ampio, vario e adatto a tutti i gusti. Ci sono moltissime opzioni vegetariane e vegane, a partire dalla Garden Breakfast, una maestosa colazione con funghi, pane tostato, uova (o tempeh per i vegani), spinaci, verdure, patate e i deliziosi falafel di Edamane. Per chi è alla ricerca di un pranzo abbondante consiglio certamente il Falafel Burger, mentre per cena non c’è niente di meglio di una lentil curry soup accompagnata da pane fatto in casa. Il piatto che più mi ha strabiliato è stato però il Pad Thai: è uno dei più buoni che abbia mai mangiato al di fuori della Thailandia. Assolutamente da provare se passate da Ubud e amate il cibo thai. Ottimi anche gli estratti di verdure, perfetti per combattere il caldo afoso e fare il pieno di vitamine. Per i più golosi, consiglio invece la torta al cioccolato a otto strati: non c’è modo migliore di concludere un pasto. Da sottolineare due fattori: le porzioni sono davvero grandi, quindi non si rischia di uscire affamati da Simply Social; i prezzi sono parecchio contenuti considerando la qualità del cibo, la posizione del locale e la cura dei dettagli. Se cercate un ristorante completo di tutto, con un menù che possa accontentare qualsiasi palato, Simply Social è il posto giusto per voi.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Muse Cafe & Arts

La prima cosa che ti colpisce di Muse è sicuramente la bellissima location, infatti questo locale si trova fuori dalla zona centrale di Ubud in mezzo alla vegetazione. Tutto questo lo rende un posto perfetto dove poter gustare un pasto lontano dal caos e dal rumore che caratterizzano Ubud, ma il cibo non è assolutamente da mettere in secondo piano.

Il menù è internazionale ma con una forte influenza indiana. I piatti sono cucinati sul momento con molta cura e sono ben segnalati quelli vegetariani e vegani. Consiglio assolutamente il Thali Platter, il classico set indiano, e il Jackfruit Wrap con la loro “Jackfruit meat”. Si tratta di un frutto locale cucinato a lungo e lentamente con molte spezie, finché diventa estremamente simile alla carne. Imperdibile la loro Rainbow Salad molto fresca e realizzata con prodotti locali.

Tra i dolci consiglio il loro Tiramisù per i più golosi e il Chia Pudding per gli amanti della frutta.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Kismet

Il locale è strutturato su due piani e il mio consiglio è di stare a quello superiore, a uno dei tavolini che si affacciano sulla strada: hai l’impressione di mangiare all’aria aperta. Ciò che più mi ha colpito di Kismet, però, è il cibo.

Il menù è completamente vegetariano ed è composto per gran parte da prodotti biologici e locali. Ci sono moltissime opzioni vegane, delizioso il panino con “scramble tofu”, da volerne ordinare un altro subito dopo averlo finito. Per quanto riguarda i piatti principali, da provare tutte le bowls, si tratta di grosse ciotole con una base di verdure e la possibilità di aggiungere degli extra a proprio piacimento. La specialità della casa è il “vegan satay”, i classici spiedini balinesi in versione vegetale che sembrano a tutti gli effetti arrosticini di carne. Consiglio la Dragon Bowl e la 666 South West Bowl. Imperdibili come antipasto i Fresh Summer Rolls.

Ampia scelta di dessert e caffè di altissima qualità. Come se non bastasse, Kismet è anche un posto perfetto per lavorare al computer grazie a una delle connessioni wi-fi più veloci di tutta Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Zest

Zest è un locale che si trova poco oltre il famoso Ridge Walk. La location è splendida ed è anche questo il motivo per cui nel giro di appena un anno è diventato uno dei locali più popolari di Ubud. Ma nonostante la location splendida, il vero protagonista rimane il cibo. Il menù è completamente vegano e per la composizione dei piatti vengono utilizzati principalmente prodotti locali. C’è un menù della colazione disponibile fino alle 11:00 di mattina e un menù per il resto della giornata.

Venendoci spesso per lavorare ho provato quasi tutto. Per la colazione, consiglio il set (che comprende un “healty shot”, una bevanda calda e un piatto) oppure il piatto “The Brit Abroad”. Quest’ultimo è una rivisitazione vegan di una colazione inglese, riempie bene ed è molto gustosa. Per chi preferisce i gusti dolci, è possibile scegliere tra la smoothie bowl, la bowl di yogurt, i pancakes oppure il pudding di riso. Come portate principali il piatto forte del locale è la “carne” di Jackfruit, consiglio di provare assolutamente la Roman Jack pizza con la base fatta di farina di cassava e cocco oppure il The Awakened Cowboy, una “bistecca” di jackfruit. Se volete provare i gusti unici dell’isola imperdibile la Bali Breeze.

La sezione delle bevande è molto ampia e comprende anche concentrati di erbe, radici e frutti per curare vari tipi di malanni. Come smoothies consiglio assolutamente di provare quello al Durian. Il caffè che servono qui non vi farà sentire la mancanza di quello italiano, infatti è la prima cosa che ordino quando vengo a lavorare qui essendoci anche un’ottima connessione a internet 😉

Il posto perfetto dove non limitarsi a mangiare ma anche passarci la giornata a lavorare in una location davvero rilassante.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

The Seeds of Life

Si tratta di un ristorante completamente vegano e crudista. Non è facile creare piatti saporiti senza l’utilizzo di fornelli, motivo per cui la cucina crudista è gustosa solo se è affidata a mani esperti. È questo il caso di Seeds of Life, ogni portata ha un gusto straordinario e ti verrebbe voglia di provare ogni piatto sul menù. Venendoci spesso per lavorare al pc (il piano di sopra è molto tranquillo e c’è un’atmosfera molto rilassante) ho avuto la possibilità di provare diversi piatti.

Per la colazione consiglio la “Classic Breakfast”, una replica di una colazione tradizionale inglese. Le uova sono riprodotte con una deliziosa crema di mais. Oppure la classica smoothie bowl che a differenza delle altre viene servita con un barretta proteica per iniziare al meglio la giornata.

Tra i piatti principali consiglio assolutamente la “Warm Mexican Lasagna”, fatta con crema di barbabietole e ananas, è una piacevole sorpresa per il palato. Deliziosi anche gli gnocchi al pesto. Per gli amanti dei sapori speziati imperdibile la “Laksa Soup”, una zuppa tradizionale della Malesia, servita in questo caso con noodles di zucchini. Tenete un po’ di spazio nello stomaco per provare i dolci, ce ne sono di tutti i tipi dai truffle alle bars ma i miei preferiti sono il tiramisù e la caramel bar.

Seeds of Life offre anche una quantità sconfinata di antichi tè cinesi, molto apprezzati gli elisir, ognuno dei quali con proprietà benefiche diverse (uno dei più popolari è il “Ojas Rojas”). Da notare che il 90% dei prodotti utilizzati è di origine biologica e locale. I prezzi sono un’ulteriore sorpresa, vista la qualità del cibo l’ho trovato molto più economico rispetto ad altri locali crudisti in Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Alchemy

Alchemy è un locale completamente vegano e crudista.

Sul menù sono presenti diverse rivisitazioni crudiste di numerose tradizioni culinarie differenti. Si può infatti ordinare la pizza raw, consiglio la Spinach and Mushroom. Molto buono anche il sushi, dove il riso è sostituito dal cavolfiore tritato. Deliziosa la Pasta Primavera con gli spaghetti di zucchine e il pesto.

Anche se il piatto per cui torno spesso è la Salad Bar da 69.000IDR, si tratta di una insalatona che puoi comporti direttamente tu al banco, scegliendo 4 diversi ingredienti.

La soluzione ideale per un un pasto leggero e fresco. Ampia scelta per quanto riguarda i dessert.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Lazy Cats Cafe

Lazy Cats Cafe è un ristorante vegetariano con molte opzioni vegane, con una location assolutamente unica, che ricorda un salotto di casa. L’ambiente è molto luminoso e si può anche mangiare fuori, osservando il viavai di Ubud.

Per quanto riguarda il cibo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il locale è famoso per i suoi hamburger in particolar modo il Portobello è un’esplosione di gusto. Per assaggiare prodotti locali consiglio il Lola Bites tacos con il jackfruit e la Bali Bowl con il tempeh e la jicama. Qui ho bevuto uno dei migliori caffè di tutta Ubud.

C’è la possibilità di scegliere tra tre tipi: Purr (con poca caffeina ma un sapore molto intenso), Meow (con un retrogusto di caramello) e Roar (quello con più caffeina). Il posto ideale dove fare una colazione abbondante o un pranzo… o direttamente un brunch 😉

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Swasti Beloved Cafe

Swasti Beloved Cafe è un meraviglioso ristorante dell’omonimo Eco Cottages. La location ti lascia senza parole, immersa completamente nel verde è il luogo perfetto dove gustare un pranzo e rilassarsi lontano dal caos e il traffico di Ubud. Ma Swasti Beloved Cafe non è solo un ristorante immerso in una location bellissima: ciò che mi ha colpito di più è la filosofia che c’è dietro questo locale. A pochi passi dal ristorante è infatti possibile visitare l’orto della struttura, da cui vengono presi il 40% degli ingredienti utilizzati per la creazione dei piatti! Dalla terra al piatto, una produzione biologica senza l’utilizzo di pesticidi che rispetta i tempi della natura.

Il menù non è completamente vegetariano ma ci sono tantissime opzioni vegane e vegetariane per soddisfare tutti i gusti. Consiglio assolutamente di provare una delle loro insalate la “Why not… raw BOWL” con i funghi shiitake e i noodle di zucca oppure la deliziosa “Mind” servita in un barattolo di vetro e composta da ananas, papaya, tempeh e gli spinaci che vengono direttamente dal loro orto. Per chi ama le spezie consiglio il “Jack the curry” un saporito curry con il jackfruit. C’è anche una sezione del menù dove offrono specialità italiane in versione vegan, in questo senso è ottima la pasta “Mare & Terra” con le tagliatelle di riso, i pomodorini secchi e le olive.

La sezione delle bevande è molto ampia e comprende anche concentrati di erbe, radici e frutti per curare vari tipi di malanni. Anche in questo caso, la maggior parte degli ingredienti provengono direttamente dal loro orto. Come smoothies consiglio di provare il “Chocolate Glory”. Il caffè che servono qui non vi farà sentire la mancanza di quello italiano.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

KAFE

Kafe è un bellissimo locale che si affaccia su una delle strade principali di Ubud. Aperto nel 2003, offre non solo una location rilassante e accogliente ma anche piatti abbondanti e di altissima qualità.

Il menù non è completamente vegetariano ma sono ben segnalate le opzioni vegane e vegetariane. Il mio preferito è senza dubbio il Tempe Cashew Nut Curry, un delizioso e abbondante curry a base di latte di cocco, patate e anacardi. Molto buona anche la Vegeterian Pasta Primavera, piatto composto da tagliatelle agli spinaci, olive e verdure grigliate. Per quanto riguarda le insalate, tutte le verdure sono coltivate localmente nell’orto del ristorante. La migliore che abbia provato è la Kafe Super Salad, a base di rucola e patate dolci. Per gli amanti della cucina messicana non mancano i Fajitas Wrap con il tofu.

C’è un’ampia scelta di smoothies, caffè e spremute e il Funky Monkey con banana, cioccolato, burro di arachidi e datteri è fantastico e super nutriente. Da sottolineare che nonostante la qualità del cibo e la bellissima location, i prezzi sono contenuti.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Clear Cafe Bali

Clear Cafe è uno dei ristoranti più belli dal punto di vista estetico di tutta Ubud. Ogni volta che ci vado a mangiare rimango affascinato dall’arredamento metà balinese tradizionale e metà moderno e dall’architettura che alterna spazi aperti e spazi al chiuso. Ci sono due piani e consiglio caldamente di mangiare a quello superiore, magari ai tavolini che si affacciano sulla strada. C’è la possibilità di sedersi a un tavolino oppure nelle zone condivise. Il ristorante è uno dei più longevi di Ubud considerando che è stato aperto nove anni fa.

Non è un ristorante completamente vegetariano, non viene servita carne ma ci sono dei piatti a base di pesce. Considerando l’atmosfera e l’estrema professionalità dello staff, verrebbe da pensare che si tratti di un ristorante molto caro ma non è così: i prezzi sono decisamente accessibili, vista anche l’alta qualità del cibo e la scelta pressoché sconfinata. Il menù è internazionale e propone piatti di varie cucine. Personalmente ho trovato delizioso i Tempe Tacos e la Dragon Bowl Salad.

Assolutamente da provare i Bamboo Rolls, degli involtini fatti con un wrap a base di cocco. Dal menù si può scegliere tra specialità della cucina indiana, giapponese, indonesiana, italiana e mediorientale. Non mancano le opzioni crudiste, specialmente per quanto riguarda i dessert.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Earth Cafe

Earth Cafe si trova in una traversa tranquilla del centro di Ubud, al secondo piano di una struttura che al piano inferiore ospita il negozio bio. I prodotti utilizzati in cucina sono proprio quelli dello shop e infatti la maggior parte degli ingredienti sono biologici (per questo i prezzi sono più alti della media) e compongono un menù completamente vegano. Consiglio di mangiare ai tavolini esterni che si affacciano sulla strada. Earth Cafe propone piatti basati sulla cucina macrobiotica. Il menù è molto curato e lo staff è molto preparato e disponibile.

Passando al cibo consiglio di provare il Coconut Curry con verdure e tempeh, dal sapore molto delicato e per questo adatto a ogni palato. Per chi volesse qualcosa di più sostanzioso consiglio il Mighty Burrito con riso nero, fagioli e tofu. Come contorno non perdetevi le Sweet Potato Fries o le Fried Potato Wedges. Tra l’altro il ristorante ha scelto di non utilizzare l’olio di palma per non contribuire alla deforestazione dell’Indonesia. Ottima la soluzione di potersi comporre la propria insalata in base ai propri gusti. Molto positivo che non utilizzino cannucce in plastica ma una versione completamente vegetale.

Ampia scelta di dessert (esposti in vetrina), tra cui una imperdibile RAW Chocolate cake. Vasta anche la scelta per quanto riguarda le bevande, dagli estratti agli smoothie. Lo consiglio a chi cerca un locale dove mangiare cibo con ingredienti di alta qualità, godendo di una ottima atmosfera.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Pumpkin and Beetroot

Pumpkin and Beetroot è un locale completamente vegetariano poco distante dal Coco Supermarket. Il locale non ha molti posti a sedere ma è davvero ben arredato e accogliente.

Passando spesso in quella zona ho avuto modo di provare diversi piatti. Il menù è molto vasto e sono ben segnalate le varie opzioni vegane. Consiglio di provare una delle loro insalate come la Vegan Protein Bowl con la quinoa oppure la Mixed Green Salad con l’avocado.

Imperdibile per gli amanti dei sapori speziati il Chickpeas & Lentil Curry, un delizioso e abbondante curry a base di latte di cocco, ceci, lenticchie e tempeh. Delizioso l’iced coffee con il latte di cocco.

Consiglio vivamente questo locale perchè oltre ad offrire dell’ottimo cibo ha anche prezzi contenuti.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Sage

Sage è un ristorante con una forte identità balinese e infatti la sua filosofia è di totale supporto alla comunità locale: gli ingredienti sono freschi e acquistati dagli agricoltori del luogo. L’ambiente, interiormente, è molto aperto e luminoso. Il personale è davvero gentilissimo e disponibile specialmente il manager Yoga.

Si mangia divinamente e il menù è completamente vegano. Uno dei piatti migliori è il Jackfruit Asada Tacos. Anche in questo locale, infatti, cucinano questo frutto tropicale ma qui viene cucinato con una cura maniacale: le spezie utilizzate sono un grande segreto dello chef e il frutto viene cotto per quattro ore consecutive per farlo diventare morbido e saporito.

Da provare le bowl salate, ce ne sono tantissime le mie preferite sono la “Nourish bowl” e la “Teriyaki bowl”. Ho avuto modo di provare quasi tutte le bevande (vengo spesso a lavorare qui), tra le mie preferite consiglio di provare come smoothies il “Coconut date” con i datteri, banana e latte di cocco. Per quanto riguarda le bevande per accompagnare un pasto, il Mojito è davvero ottimo e rinfrescante. I dolci vengono preparati freschi da loro, la “double chocolate” è davvero strepitosa.

Trovo bello che mettano dei bigliettini con frasi motivazionali nelle posate, puoi leggerli come piccoli segnali dell’Universo.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Sayuri Healing Food

Sayuri Healing food è il mio posto preferito dove andare a lavorare quando sono a corto di creatività, perché questo non è un semplicemente ristorante ma un punto di ritrovo tra anime libere, sognatori e persone che hanno scelto di vivere con maggiore consapevolezza. La caratteristica spirituale di questo locale si intravede già dal logo: l’ENSO, un cerchio che rappresenta il nulla e l’intero universo, l’interconnessione tra ogni elemento del tutto. Quando poi sono entrato la prima volta, ho avuto l’impressione che anche il cibo ripercorra questa filosofia, perché è composto da alimenti e sapori di ogni tipo, spesso agli opposti, combinati in maniera tale da raggiungere altissimi livelli di gusto. La cucina di Sayuri, completamente vegana, ed è davvero nutrimento per l’anima.

Venendoci spesso per lavorare ho avuto la possibilità di provare diversi piatti. Per una colazione salata suggerisco il delizioso Breakfast Burrito, un burrito a base di zucchine nel quale le uova sono sostituite da una crema di anacardi semplicemente deliziosa. Oppure una fresca Smoothie Bowl: la combinazione preferita della mia ragazza è sicuramente Choco Magic con Pink Dragon granola. Per quanto riguarda i pasti principali ogni giorno c’è un piatto del giorno, se capitate di martedì, non perdetevi la Laksa Bowl. È una specialità malese ma qui viene cucinata in maniera magistrale, quando l’ho assaggiata mi è sembrato di tornare per un attimo in Malesia. Molto buoni anche i panini, tra i miei preferiti il Bite Me e il Teriyaki Tempeh Burger. Come dessert imperdibile la Snicker bar. Una vastissima scelta anche per quanto riguarda le bevande, dagli estratti agli smoothie.

Che dire, grazie Sayuri per aver inventato questa oasi 🙏

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Don Biu

Don Biu è un locale gestito da una famiglia balinese che offre cibo indonesiano e… delizioso cibo messicano.

Il locale non è completamente vegetariano ma offre molte opzioni vegane e vegetariane. Fresca e buonissima è la Fiesta Mango Quinoa Salad da accompagnare alla Vegan Protein Bowl. Sono disponibili anche le classiche Smoothie Bowl di frutta a soli 45.000IDR.

Se volete gustare dell’ottimo cibo indonesiano consiglio i fried noodles con il tempeh, qui sono davvero deliziosi. Ma il mio piatto preferito, che è diventato un’appuntamento fisso ogni settimana, è il Soft Tacos, a base di funghi, guacamole, pico de gallo e verdure grigliate. Ottime anche le salse di accompagnamento e le quantità sono davvero abbondanti.

Un locale che offre dell’ottimo cibo per tutti i gusti a prezzi davvero accessibili. Inoltre, la connessione wi-fi è ottima, lo suggerisco anche per chi cerca un posto tranquillo dove poter lavorare al pc e gustarsi un ottimo iced coffee 😉

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Mudra Cafe

Situato in una delle strade più popolari di Ubud, il Mudra Cafe è un piccolo locale che fa della qualità del cibo il suo punto forte. Si tratta di un ristorante che potremmo definire simile ai nostri presidi slow food, perché quando inizia a riempirsi viene persino chiuso l’ingresso a nuovi clienti! È possibile stare nella zona all’aperto oppure nella saletta climatizzata (con la sabbia sul pavimento).

Passando al cibo, Mudra Cafe offre una scelta molto ampia di cibo vegetariano ma con molte opzioni vegane. È adatto per colazione, pranzo e cena perché c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Come colazione consiglio l’Avogasm Toast oppure la Macchu Picchu smoothie bowl con il cacao locale. Delizioso il Varuna Veggie Wrap con il tempeh oppure il Avo Gado Gado, una rivisitazione del tradizionale piatto indonesiano. Da provare come contorno le Purple Rain, le classiche ube sweet potato locali. C’è anche una vasta scelta per quanto riguarda le bevande, assolutamente da provare il JackTheTripper con il jackfruit e il latte di cocco.

Mudra Cafe è il posto giusto dove mangiare del cibo genuino cucinato con grande passione.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Watercress

A Ubud ci sono numerosi locali dove è possibile gustare un ottimo “Veggie Burger”. Uno dei migliori si trova al Watercress, un locale da visitare anche solo per l’ottima location: al piano terra l’atmosfera è quella di un bar dove gustare una colazione abbondante la domenica mattina, al piano superiore, invece, si gode della vista su una delle strade più caratteristiche di Ubud ed è il posto perfetto per un pranzo o una cena.

Come detto, io adoro il Veggie Burger del Watercress, accompagnato da una “specialità della casa”: le “baby potatoes”, patate rotonde davvero deliziose.

Oltre al Veggie Burger, consiglio la Watercress Salad con il tempeh. Un piatto fresco ma abbondante, assolutamente da provare. Molto interessante anche la Quinoa Breaky Bowl, un piatto studiato per una colazione abbondante o per un brunch, che può essere richiesto anche in versione vegan.

Infine, va sottolineata l’ampia e ottima scelta per quanto riguarda bevande e caffè. Consiglio il Super Smoothie, un frullato al cioccolato semplicemente delizioso.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

The Avocado Factory

Ho scoperto questo locale per caso in occasione di un compleanno di una mia amica che vive qui a Ubud. La location è molto curata, luminosa e accogliente. All’interno dello stesso locale ci sono due diversi ristoranti, uno per gli amanti del pesce (Hippie Fish) e uno per gli amanti dell’avocado (The Avocado Factory). Io ho optato per il secondo non mangiando il pesce 😉

The Avocado Factory non è completamente vegetariano ma offre molte opzioni vegane e vegetariane ben segnalate sul menù. Passando al cibo il protagonista di ogni portata qui è l’avocado, per iniziare consiglio la freschissima Summer Bowl da accompagnare alla Tofu Bowl con tofu, riso e un mix di verdure. Oltre all’avocado, ho trovato che l’altro grande protagonista è il pane. Ottima la bruschetta con il delizioso l’hummus all’avocado e ceci, per gli amanti dei sapori speziati c’è l’imperdibile Spicy Mash con i funghi. Da sottolineare che il locale utilizza un olio d’oliva davvero di qualità,  cosa rara da queste parti. C’è anche una vasta scelta per quanto riguarda le bevande, assolutamente da provare lo smoothie “Iceland of the Gods” con avocado, banana, cannella, vaniglia e acqua di cocco.

Considerando l’atmosfera e l’estrema professionalità dello staff, verrebbe da pensare che si tratti di un ristorante molto caro ma non è così: i prezzi sono decisamente accessibili per essere un locale in una delle zone più centrali di Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Milk and Madu

Dopo quasi tre mesi di Asia, non potevo resistere alla tentazione di una pizza e devo dire che non sono rimasto deluso.

La pizza di Milk and Madu è sottile, davvero ben cotta, e non tradisce assolutamente le aspettative.

Oltre alla pizza, ho trovato ottime le insalate come la Madu House Salad con zucca, pomodorini secchi e mandorle. Fantastici gli smoothies, soprattutto il Monkey Magic con banana, cannella e latte di mandorle.

Il menù non è completamente vegetariano ma il personale è molto preparato per venire incontro a tutte le esigenze.

Un locale perfetto dove mangiare bene, in un ambiente molto luminoso e ampio, a due passi dal centro di Ubud.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Union

A pochi metri dal mercato principale, si trova Union, un locale dove sedersi, mangiare ottimo cibo e osservare il via-vai di Ubud. C’è la possibilità di sedersi ai tavolini oppure al “bancone”, a due passi dalla strada.

Si tratta di un ristorante con un menù concentrato ma molto ricco, che offre anche alcune interessanti opzioni veg. A partire, dalle freschissime insalate: consiglio la Quinoa Green Salad con l’hummus e i pomodorini e la Crispy Tofu Quinoa Bowl con gli spinaci e i funghi. Per chi volesse qualcosa di molto sostanzioso, suggerisco la Plant Based Falafel Wrap: il rapporto qualità-prezzo è davvero eccellente, perchè con 65.000 IDR praticamente si mangia per due.

Ampia scelta di drink alcolici e analcolici, consiglio tra gli smoothie il Power Ranger con il dragon fruit e il Lilo con l’ananas. Molto rinfrescante il “Oh My God” per quanto riguarda le spremute, con anguria e fragole. Non perdetevi la “Oh My Yum!” un’ottima e freschissima macedonia.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Warung Falafel

Warung Falafel è un piccolo locale che si trova nel cuore del mercato di Ubud. È il posto ideale dove fermarsi dopo una passeggiata tra le bancarelle.

La cucina proposta è quella mediorientale ma ciò che ho trovato molto interessante è il menù “open”: non ci sono piatti prestabiliti, ognuno può comporre il proprio “falafel set”, scegliendo tra la pita, il wrap e la bowl. Il proprietario mi ha spiegato che la ricetta dei falafel è quella originale mediorientale, ecco perché sono così croccanti e gustosi.

Non perdetevi come contorno le “sweet potato fries” ed un fresco “juice of the day” che cambia in base alla stagionalità.

Warung Falafel è il ristorante perfetto dove fermarsi per uno spuntino veloce o per un pasto leggero.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Yellow Flower Cafe (Buffet)

Il buffet di Yellow Flower Cafe è ormai un mio appuntamento fisso ogni domenica. Inizia alle 17:00 e consiglio di andare non troppo tardi per poter godere dello spettacolare tramonto dai tavoli esterni.

Per raggiungerlo è necessario fare un piccolo trekking ma ne vale assolutamente la pena, perché con 98.000 rupie si può gustare del delizioso cibo indonesiano da un buffet che prevede una vasta scelta di noodles, curry, riso, patate e verdure di ogni tipo. Ottima la zuppa con il jackfruit e i fagioli, servita come antipasto, e il dessert indonesiano a base di banana e latte di cocco.

Il buffet non è completamente vegetariano ma basta chiedere al personale per farsi indicare quali sono i pochi piatti che contengono carne.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Herb Library

A Ubud è pieno di ristoranti vegani e vegetariani a buon prezzo, ma dove andare per una cena un po’ più ricercata? Ovviamente ci sono molte opzioni per quanto riguarda il “fine dining”, e Herb Library è sicuramente una delle più interessanti. Si tratta del ristorante di un resort, ubicato in una stradina molto tranquilla e senza traffico dove poter godere di un po’ di raro silenzio. La sala del ristorante è un ambiente open space con molti dettagli in legno molto curata.

Il menù di Herb Library offre opzioni per qualsiasi palato e scelta alimentare: ci sono piatti con carne e pesce, piatti vegetariani e piatti vegani. Ci sono diversi piatti interessanti e personalmente consiglio la sushi bowl composta da verdure e tofu marinati “alla giapponese”. Si tratta di una specialità della casa davvero deliziosa. Tra i piatti più amati c’è il “Cheese Sambal”, un sandwich che al posto del pane ha il tempeh (si può richiedere in versione vegan). Da provare anche la “Cinderella Salad”, a base di zucca e anacardi tostati.

Un buon locale dove trascorrere un po’ di tempo in un piccolo angolo di pace lontano dal caos di Bali.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Roti Daal

Roti Daal è un ristorante indiano completamente vegetariano con diverse opzioni vegane.

Il menù è molto semplice: si può scegliere tra diversi “thali set”. Si parte scegliendo tra una porzione di riso basmati o di roti e poi si va a comporre il set scegliendo le portate direttamente dalla vetrina.

C’è molta scelta, dai curry di lenticchie e ceci alle verdure saltate al curry.

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Nekopopo

Si tratta di un piccolo locale giapponese dove si possono ordinare solo pizza e smoothie bowl di frutta.

La pizza di Nekopopo è sottile ma ben cotta. Non è la classica pizza italiana, ma è molto buona. Per quanto riguarda gli ingredienti, ci sono diverse gusti io ho provato quella vegana. L’ho trovata molto buona, con un formaggio vegetale a base di farina di riso e tofu semplicemente fantastico.

Come dessert potete prendere una bowl di frutta, deliziosa quella al mango. Una buona pizza in un locale molto caratteristico.

Una buona pizza in un locale molto caratteristico. Vale la pena farci un salto se si va in crisi di astinenza da pizza dopo diversi mesi in Asia 😉

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Acai Queen

Acai Queen è un locale molto popolare a Ubud, in parte perché si trova proprio in una delle vie principali, in parte perché la location è molto particolare: non ci sono sedie e tavolini, ma divanetti. Da Acai Queen il menù è molto ristretto: si può scegliere di mangiare toast e avocado o toast e burro di arachidi, crepes, gelati o le bowl. La maggior parte delle persone viene qui per queste ultime: sono ampie ciotole a base di gelato all’acai (una radice considerata “superfood”, proveniente dal Sud America), con granola e frutta fresca. Personalmente lo consiglio per uno spuntino a metà pomeriggio, perché è queste bowl sono un concentrato di vitamine, zuccheri e freschezza. Niente di meglio durante una bollente giornata di Ubud!

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Photo by @gianluca.gotto

Seguimi su InstagramFacebook

POTREBBE INTERESSARTI »