5 motivi per cui dovresti visitare queste Dolomiti

Photo by Joshua Earle

Le Dolomiti vengono chiamate dai locali “il lavoro d’architettura più meraviglioso mai creato”, ed è difficile dargli torto. Sono delle montagne molto particolari e antiche, fatte di dolomia, un minerale derivante dai coralli pietrificati.

Coralli? Sì, perché 250 milioni di anni fa erano una barriera corallina, poi gli spostamenti delle placche hanno distrutto quell’ambiente marino tropicale e ora rimangono “solo” delle enormi torri di roccia che si ergono verso il cielo.

Anche per questo motivo, le Dolomiti non sono semplicemente montagne. Ogni visita, ogni viaggio, ogni passeggiata in questo luogo straordinario è un’esperienza di vita capace di lasciare il segno. Non bisogna andare lontani per trovare posti semplicemente meravigliosi e le Dolomiti ne sono uno degli esempi più lampanti.

Questa zona d’Italia andrebbe visitata in lungo e in largo, ma c’è una destinazione nello specifico che risulta incredibilmente sottovalutata considerando la bellezza che ha da offrire: il Cadore.

La valle di Cadore si trova nel cuore delle Dolomiti, in provincia di Belluno. Il vero epicentro di queste meraviglie naturali si trova infatti in Veneto, regione che possiede le cime più maestose e i panorami più incredibili nonché la percentuale più alta di territorio Dolomitico, che nel 2009 l’UNESCO ha iscritto tra i Patrimoni naturali dell’umanità.  Qui si trovano boschi incontaminati, ottimo cibo, piste ciclabili, panorami indelebili, la neve d’inverno e le praterie sconfinate d’estate.

Il Cadore è certamente il nostro motivo preferito per visitare le Dolomiti, ma non è l’unico…

5 motivi per cui dovresti visitare queste Dolomiti

1. Restare senza parole di fronte alle 3 Cime di Lavaredo

La Cima Piccola, la Cima Grande e la Cima Ovest sono la cartolina più bella e mozzafiato delle Dolomiti. È molto popolare fare il giro di queste montagne, perché è una facile camminata di qualche ora ma adatta a tutti, anche alle famiglie. Non per questo è una meta turistica: sulla tua strada troverai tanti veri viaggiatori attratti dal richiamo irresistibile della natura.

Ci sono rifugi ogni pochi chilometri per ricaricarsi e il panorama è stupendo su ogni versante. Alcuni escursionisti esperti scalano queste spettacolari montagne perfino d’inverno, con le ciaspe, quando l’unica compagnia è quella delle aquile. Per tutti gli altri, l’estate è il momento migliore per godersi un’esperienza di viaggio capace di riempirti l’anima di bellezza.

2. Rilassarsi sulle rive dei meravigliosi laghi

Poco distante delle 3 Cime e in parte nella vallata del Cadore si concentrano vari Parchi Naturali pieni di laghi stupendi, mistici e dall’acqua gelata: Misurina, Braies, Sorapis, Auronzo, Centro Cadore, Carezze e Dobbiaco sono i più noti.

Tutti loro hanno una leggenda che li caratterizza: c’è quello che custodiva la porta d’accesso al mondo sotterraneo, quello che nasconde il palazzo di una sirena e tante altre storie della tradizione locale che hanno per protagonisti fate, folletti e principesse imprigionate. Ognuno di loro ha acque cristalline ed è incastonato fra le vette e i boschi di abeti. Le viste di cui si può godere semplicemente sedendosi a osservare questi laghi, valgono tutto il prezzo del viaggio.

3. Soddisfare la tua sete di avventura

Il bello delle Dolomiti è che ci puoi andare tutto l’anno. D’inverno si coprono di neve e sono perfette per il pattinaggio, lo sci, lo slittino e le incredibili camminate con le ciaspe. In autunno e primavera tutto si riempie di colori ed è facile vedere lepri, volpi e cerbiatti. D’estate si può praticare qualsiasi sport immaginabile: ferrate, trekking, MTB, kayak, slackline in mezzo ai boschi e sulle cime più maestose dell’arco alpino…

Ogni momento è buono per visitare le Dolomiti, specialmente se sei una di quelle persone convinte che la vita vada vissuta all’avventura, nel mondo là fuori e non dentro quattro mura. Perché le Dolomiti hanno un fascino magnetico e quando ci metti piede non riesci a fermarti: hanno troppo da offrire. Vorrai passare il maggior tempo possibile all’aria aperta, immerso nella bellezza.

4. Degustare la cucina e il vino locale

Quando si parla di Dolomiti, molti potrebbero non pensare immediatamente alla tradizione culinaria eppure uno dei modi migliori di scoprire questa zona è attraverso i suoi straordinari sapori. Sulle Dolomiti, specialmente in Cadore, puoi trovare prodotti locali che ti lasciano letteralmente senza parole. Questi stessi prodotti, spesso creati in modo artigianale, secondo antiche usanze, vengono poi utilizzati dai ristoranti, alcuni dei quali stellati, dove poter godere di un’esperienza enogastronomica totale.

I prodotti tipici della zona vengono incontro alle esigenze di qualsiasi visitatore, perché ci sono carni e insaccati tradizionali ma anche tanti piatti a base di verdure, oltre ai rinomati formaggi adatti a qualsiasi orario della giornata. E non dimentichiamoci delle bevande: tra vini rossi, spumanti, grappe e la birra Dolomiti c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ma oltre ai ristoranti, c’è un altro modo per viaggiare tra mille sapori: un aperitivo al tramonto. È un rito a cui difficilmente potrai rinunciare, non solo per la qualità dei vini e dei formaggi locali ma anche per le viste mozzafiato sulle montagne, i boschi, i laghi e tutto ciò che caratterizza le Dolomiti a prima vista.

5. Il Cadore

Il Cadore è uno dei territori più straordinari delle Dolomiti, una vallata magica piena di luoghi affascinanti circondati da una natura dominante e incontaminata. Nonostante si trovi ad appena un’ora da Venezia e a pochi chilometri da Cortina d’Ampezzo e dalle tre cime di Lavaredo, resta uno dei luoghi meno conosciuti delle Dolomiti.

Il motivo? Nel tempo la genuinità e la purezza di questo luogo hanno tenuto lontane le “luci dei riflettori”. Oggi, con sempre più persone che vivono il viaggio in modo molto consapevole, centinaia di viaggiatori si stanno rendendo conto della bellezza unica del Cadore. 

In Cadore trovi lo spettacolo della natura grazie ai boschi, i laghi, la fauna selvatica e le cime Dolomitiche, ma trovi anche bagni termali e una delle piste ciclabili più belle al mondo. Non solo: c’è anche tanta cultura e storia, una circostanza di cui ti rendi conto quando passeggi tra le stradine dei borghi medievali.

La valle del Cadore è un luogo che sembra essere rimasto fermo nel tempo, una delle poche zone dove è ancora possibile viaggiare lentamente, assaporando ogni pasto, godendosi ogni passo nel verde e apprezzando ogni singolo momento.

Si tratta di una zona che molti vorrebbero poter valorizzare al meglio, per dimostrare che non bisogna andare lontani dall’Italia per visitare luoghi straordinari. Welcome Dolomiti, ad esempio, è il progetto di tre giovani italiani che dopo aver girato il mondo hanno deciso di tornare a casa per dedicarsi a promuovere la meraviglia delle loro Dolomiti. Il loro Crowdfunding è volto a far conoscere al mondo intero la bellezza della loro terra, il Cadore.

Segui il progetto “Welcome Dolomiti” su Facebook